Vico Equense, approvata la settimana corta. Si parte a settembre

Vico Equense – I genitori dell’ Istituto Comprensivo Costiero si sono espressi sulla settimana corta. Alle famiglie è stato chiesto di dare il proprio parere attraverso un sondaggio preparato da un’apposita commissione, che ha avuto il seguente esito: su 483 votanti in 339 hanno espresso voto favorevole mentre in 144 hanno scritto no. La scuola ha preso atto del risultato fornito da tale strumento democratico adeguando l’orario per l’anno 2019/2020. “L’istituzione di un’apposita commissione – spiega Ilenia De Rosa, presidente del Consiglio d’Istituto – è avvenuta durante lo scorso triennio, sulla base delle numerose richieste pervenute da parte dei genitori di valutare l’ipotesi della settimana corta. I membri (genitori e docenti) hanno optato per il sondaggio e stabilito il metodo. Io personalmente non ne ho fatto parte ma so che i componenti hanno agito in modo scrupoloso. L’obiettivo è stato quello di dare l’opportunità di esprimere una preferenza e di contarle, dato che sull’argomento si è sempre dibattuto senza, però, avere dati alla mano sul numero di genitori favorevoli o contrari.” Quindi, dal prossimo anno scolastico, i bambini della primaria, dal lunedì al venerdì, entreranno alle 8.30 e usciranno alle 13.30. Ci sarà, poi, un rientro settimanale con uscita alle 16: mezz’ora per la pausa pranzo e due ore di didattica. Si completano, così le 27 ore previste. Diversa la situazione per la secondaria di primo grado, dove la didattica consta di 30 ore. I ragazzi entreranno alle 8 e usciranno alle 14.

Vico Equense, approvata la settimana corta. Si parte a settembre

Vico Equense – I genitori dell’ Istituto Comprensivo Costiero si sono espressi sulla settimana corta. Alle famiglie è stato chiesto di dare il proprio parere attraverso un sondaggio preparato da un’apposita commissione, che ha avuto il seguente esito: su 483 votanti in 339 hanno espresso voto favorevole mentre in 144 hanno scritto no. La scuola ha preso atto del risultato fornito da tale strumento democratico adeguando l’orario per l’anno 2019/2020. “L’istituzione di un’apposita commissione – spiega Ilenia De Rosa, presidente del Consiglio d’Istituto – è avvenuta durante lo scorso triennio, sulla base delle numerose richieste pervenute da parte dei genitori di valutare l’ipotesi della settimana corta. I membri (genitori e docenti) hanno optato per il sondaggio e stabilito il metodo. Io personalmente non ne ho fatto parte ma so che i componenti hanno agito in modo scrupoloso. L’obiettivo è stato quello di dare l’opportunità di esprimere una preferenza e di contarle, dato che sull’argomento si è sempre dibattuto senza, però, avere dati alla mano sul numero di genitori favorevoli o contrari.” Quindi, dal prossimo anno scolastico, i bambini della primaria, dal lunedì al venerdì, entreranno alle 8.30 e usciranno alle 13.30. Ci sarà, poi, un rientro settimanale con uscita alle 16: mezz’ora per la pausa pranzo e due ore di didattica. Si completano, così le 27 ore previste. Diversa la situazione per la secondaria di primo grado, dove la didattica consta di 30 ore. I ragazzi entreranno alle 8 e usciranno alle 14.

Vico Equense, approvata la settimana corta. Si parte a settembre

Vico Equense – I genitori dell’ Istituto Comprensivo Costiero si sono espressi sulla settimana corta. Alle famiglie è stato chiesto di dare il proprio parere attraverso un sondaggio preparato da un’apposita commissione, che ha avuto il seguente esito: su 483 votanti in 339 hanno espresso voto favorevole mentre in 144 hanno scritto no. La scuola ha preso atto del risultato fornito da tale strumento democratico adeguando l’orario per l’anno 2019/2020. “L’istituzione di un’apposita commissione – spiega Ilenia De Rosa, presidente del Consiglio d’Istituto – è avvenuta durante lo scorso triennio, sulla base delle numerose richieste pervenute da parte dei genitori di valutare l’ipotesi della settimana corta. I membri (genitori e docenti) hanno optato per il sondaggio e stabilito il metodo. Io personalmente non ne ho fatto parte ma so che i componenti hanno agito in modo scrupoloso. L’obiettivo è stato quello di dare l’opportunità di esprimere una preferenza e di contarle, dato che sull’argomento si è sempre dibattuto senza, però, avere dati alla mano sul numero di genitori favorevoli o contrari.” Quindi, dal prossimo anno scolastico, i bambini della primaria, dal lunedì al venerdì, entreranno alle 8.30 e usciranno alle 13.30. Ci sarà, poi, un rientro settimanale con uscita alle 16: mezz’ora per la pausa pranzo e due ore di didattica. Si completano, così le 27 ore previste. Diversa la situazione per la secondaria di primo grado, dove la didattica consta di 30 ore. I ragazzi entreranno alle 8 e usciranno alle 14.

Vico Equense, approvata la settimana corta. Si parte a settembre

Vico Equense – I genitori dell’ Istituto Comprensivo Costiero si sono espressi sulla settimana corta. Alle famiglie è stato chiesto di dare il proprio parere attraverso un sondaggio preparato da un’apposita commissione, che ha avuto il seguente esito: su 483 votanti in 339 hanno espresso voto favorevole mentre in 144 hanno scritto no. La scuola ha preso atto del risultato fornito da tale strumento democratico adeguando l’orario per l’anno 2019/2020. “L’istituzione di un’apposita commissione – spiega Ilenia De Rosa, presidente del Consiglio d’Istituto – è avvenuta durante lo scorso triennio, sulla base delle numerose richieste pervenute da parte dei genitori di valutare l’ipotesi della settimana corta. I membri (genitori e docenti) hanno optato per il sondaggio e stabilito il metodo. Io personalmente non ne ho fatto parte ma so che i componenti hanno agito in modo scrupoloso. L’obiettivo è stato quello di dare l’opportunità di esprimere una preferenza e di contarle, dato che sull’argomento si è sempre dibattuto senza, però, avere dati alla mano sul numero di genitori favorevoli o contrari.” Quindi, dal prossimo anno scolastico, i bambini della primaria, dal lunedì al venerdì, entreranno alle 8.30 e usciranno alle 13.30. Ci sarà, poi, un rientro settimanale con uscita alle 16: mezz’ora per la pausa pranzo e due ore di didattica. Si completano, così le 27 ore previste. Diversa la situazione per la secondaria di primo grado, dove la didattica consta di 30 ore. I ragazzi entreranno alle 8 e usciranno alle 14.