Seiano, processione del Cristo morto

L’appuntamento si ripete ogni tre anni dal lontano 1877

Vico Equense – Fervono i preparativi della processione del Cristo morto, organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita “Morte ed Orazione” di Seiano, che si terrà Venerdì Santo 30 marzo 2018. La processione che si ripete ogni tre anni dal lontano 1877, partirà da Piazza Seiano alle 19.30 e percorrerà la Statale 145 raggiungendo il centro cittadino di Vico Equense. La penisola sorrentina non è estranea a manifestazioni religiose legate alla Pasqua, ma la via crucis seianese spicca per la sua originalità, garantita dalla partecipazione di ben quattrocento figuranti, da abiti d’epoca e dall’imponente presenza di quattordici cavalli, montati da soldati romani. A rendere il tutto un unicum della penisola contribuisce la forte e sentita partecipazione dell’intera comunità, una “luttuosa esultanza” che garantisce continuità alla tradizione. Come ancora viene definita dagli anziani del posto questa è una vera e propria “festa del Cristo morto”. Alla suggestiva luce delle fiaccole, il corteo degli anonimi incappucciati rossi (colore simbolo della Passione di Cristo) muoverà dal sodalizio e si snoderà per le strade principali del paese: apriranno gli stendardi dell’Arciconfraternita, seguiti dai personaggi e dai simboli della Passione – Giuda, Pilato, Caifa, la Veronica accompagnata dalle pie donne, il gallo di S. Pietro (in carne e ossa, altra peculiarità della processione seianese), i martìri… A chiusura le statue settecentesche del Cristo morto, in cartapesta, e dell’Addolorata, in abito impreziosito da ricami, seguite dai Confratelli e dall’Amministrazione. Scandisce il passo di questo suggestivo rito il coro dei bambini supportati dalle donne di Seiano, accompagnati dalla banda. Dopo aver attraversato le strade principali di Seiano e di Vico Equense, la processione rientra, rischiarata dalle fiaccole poste su balconi e finestre, che creano un effetto mistico ed elegiaco.

Seiano, processione del Cristo morto

L’appuntamento si ripete ogni tre anni dal lontano 1877

Vico Equense – Fervono i preparativi della processione del Cristo morto, organizzata dalla Venerabile Arciconfraternita “Morte ed Orazione” di Seiano, che si terrà Venerdì Santo 30 marzo 2018. La processione che si ripete ogni tre anni dal lontano 1877, partirà da Piazza Seiano alle 19.30 e percorrerà la Statale 145 raggiungendo il centro cittadino di Vico Equense. La penisola sorrentina non è estranea a manifestazioni religiose legate alla Pasqua, ma la via crucis seianese spicca per la sua originalità, garantita dalla partecipazione di ben quattrocento figuranti, da abiti d’epoca e dall’imponente presenza di quattordici cavalli, montati da soldati romani. A rendere il tutto un unicum della penisola contribuisce la forte e sentita partecipazione dell’intera comunità, una “luttuosa esultanza” che garantisce continuità alla tradizione. Come ancora viene definita dagli anziani del posto questa è una vera e propria “festa del Cristo morto”. Alla suggestiva luce delle fiaccole, il corteo degli anonimi incappucciati rossi (colore simbolo della Passione di Cristo) muoverà dal sodalizio e si snoderà per le strade principali del paese: apriranno gli stendardi dell’Arciconfraternita, seguiti dai personaggi e dai simboli della Passione – Giuda, Pilato, Caifa, la Veronica accompagnata dalle pie donne, il gallo di S. Pietro (in carne e ossa, altra peculiarità della processione seianese), i martìri… A chiusura le statue settecentesche del Cristo morto, in cartapesta, e dell’Addolorata, in abito impreziosito da ricami, seguite dai Confratelli e dall’Amministrazione. Scandisce il passo di questo suggestivo rito il coro dei bambini supportati dalle donne di Seiano, accompagnati dalla banda. Dopo aver attraversato le strade principali di Seiano e di Vico Equense, la processione rientra, rischiarata dalle fiaccole poste su balconi e finestre, che creano un effetto mistico ed elegiaco.