Partenza alla grande per le insolite vedute metesi

Grande successo per le esplorazioni delle antiche vie di comunicazione

In occasione del bicentenario della nascita del Comune di Meta che avverrà il 31 dicembre prossimo, si è svolta il 20 ottobre la prima escursione delle tre previste sull’esplorazione delle antiche vie di comunicazione del Comune di Meta.

L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Meta nelle persone del Sindaco, Giuseppe Tito, del Consigliere alla Cultura, Biancamaria Balzano, e dell’assessore alla Cultura Pasquale Cacace.

La prima giornata ha avuto un ottimo avvio con un gruppo numeroso di partecipanti per l’escursione sul Monte Vico Alviano partendo da Meta per Via Grottelle.

Il gruppo è partito  dalla stazione di Meta ed è proseguito per via Cassari, corso Italia, Ponte Vecchio, Casa Starita, Via Grottelle, Arola, sentiero CAI 342,  sentiero CAI 300, alta via dei Monti Lattari, cima del Monte Vico Alvano, Parco del Principe Colonna, Via Lavinola, Via Trarivi, Casa Starita, Via Ponte Vecchio e stazione.

Le escursioni sono state guidate da Giuseppe Ercolano e Nino Mastellone che hanno illustrato di volta in volta le varie località.

Prima della salita ai partecipanti è stato fatto omaggio dagli organizzatori di zaini e colazione.

Durante il tragitto, di difficoltà media, gli escursionisti hanno potuto ammirare degli scenari naturalistici unici e insoliti, hanno incontrato molti agricoltori dediti alla raccolta delle olive ed hanno fatto soste con degustazioni  di prelibatezze locali.

Le prossime giornate naturalistiche saranno sabato 26 ottobre con i Camaldoli e Monte Crocione da Meta per Alberi e domenica 3 novembre con i Casini di Caccia Borbonici da Meta per Alberi.

Lorenzo Giampaglia

 

 

 

L’articolo Partenza alla grande per le insolite vedute metesi proviene da Corso Italia News.