Le interviste impossibili: Gesù

di Filomena Baratto

Vico Equense – Un altro Natale, ne passano tanti e noi qui a viverlo sempre come i bambini. Credo sia un incantesimo fatto da qualche mago. Non ce n’è stato uno diverso dagli altri, sempre uguale a se stesso. Il Natale è la più grande festa del mondo, ma poi c’è sempre la guerra, bella fregatura! Il bene che ha bisogno del male. Forse, caro mago, ti si è inceppata la bacchetta, un pezzo di formula sbagliata, una distrazione, un venir meno a quello che facevi.
 Gesù, piccolo grande uomo. Ma sappiamo tutto di te o ci nascondi qualcosa? Finiremo anche noi per sempre? Viviamo in eterno? Bella confusione, vero?
“Cosa sono questi dubbi sempre in prossimità del Natale?”
Oh, finalmente, non mi fai parlare da sola! Mi chiedi perché? Perché c’è una grande discrepanza tra la vita e la magia del Natale. Più la vita scorre e più siamo disillusi e crediamo sia dura. Non è così?
“Fregatura? Sarei l’imbroglione per te? Una fregatura è un’azione di basso valore e non mi sembra che la vita lo sia. Perché se fosse così non staresti qui a farti mille domande”
Mi sento per un sentiero irto di pericoli e, più procedo, più domande mi pongo. Ci sono cose che ancora non capisco, e più cerco spiegazioni, più non ne trovo. Tu sai darmi risposte?
“Una risposta chiarisce per sempre una cosa mentre la vita è un continuo divenire e ci sono risposte ad ogni cambiamento. Non ce ne sono poi così tante. Per esempio, cosa non ti convince?”


Il bene, questa calma apparente, questa bontà che ha la vita di un soffio, questa bellezza fugace, questo Dio che sa tutto di noi e fa finta di niente, questo Dio che va dove vuole, ignora quel che gli fa comodo. Vedi tutto intorno cosa accade e tu? Di quale amore parli? Se c’è, è così chiuso nei cuori, che è difficile capire il suo percorso e i suoi obiettivi. Forse ti sei sbagliato, è la formula che è andata storta, di’ la verità, non è così?
“No, no, è tutto come volevo, così come stabilito”.
Qualche errore lo avrai fatto pure tu. Guarda quanti siamo, che fine sta facendo la terra, che schifo la politica, quante nefandezze si fanno. Dov’è il bene in giro?
“Tu leggi il mondo col tuo cuore che in questo momento è confuso. Non bisogna lasciarsi prendere dallo sconforto, dalle tensioni, dai facili entusiasmi o dalla superficialità”.
No, vedo quello che c’è intorno a me e non fai niente. Credo che tu non sia un Dio…un Dio del bene. Che Dio sei? 
“Sarei un dio del male? Sono solo un uomo morto per voi, vissuto come voi, venuto tra voi a darvi l’esempio di salvezza, visto che potevate perdervi per il mondo”.
Questo è il problema che porta con sé il dubbio. Sei il dio che conosciamo, o uno sconosciuto, un alieno, che viene a imporre legge per addomesticarci?
“Non posso darti torto, sei libera di pensare, ogni storia si presta a tante interpretazioni, tutto cambia se spostiamo il punto di vista. E’ come quando vediamo le cose da lontano, non saranno mai quelle che vediamo da vicino. Credere è mantenere fisso un obiettivo e tendere verso quel punto. Ma voi, io d’altra parte, ci perdiamo facilmente, scambiamo mete e partenze, desideri e doveri. Abbiamo un percorso che facciamo insieme”.
E allora tutte queste religioni? Quando vi incontrate lassù, tra le galassie, sarà una baraonda. Come fate? Buongiorno Maometto, dì a Buddha che Allah lo cerca. Non oso immaginare. Credo siano solo delle invenzioni, una fantasia, una fiaba con tutti gli elementi. Ma le cose stanno così come quaggiù che per lo stesso motivo ci facciamo guerra?
“Maometto, Allah, Buddha, sono fratelli di uno stesso padre e non tre estranei a operare in orti diversi. Siete una grande famiglia e non satelliti di pianeti. Abbassate i toni, nessuno viene prima di un altro. E non credo che tu viva male in questo mondo!La vita ci piace così tanto che temiamo sempre di perderla e nel volerla salvare, la perdiamo spesso. Il Natale ci vede tutti vicini, in famiglia. Su questo cammino è un crescendo: aumenta l’intensità della stessa vita, la consapevolezza e gli stessi dubbi. Aumenta anche la nostra lotta interiore. La conoscenza ci porta per altri sentieri”.
E la curiositas non ci allontana dalla religio?
“Curiositas e religio, non si autoescludono, collaborano”. La religio senza la curiositas sarebbe una noia. Ma spesso si fa una grande confusione come se la religione fosse una scienza e la scienza la vostra religione”.
Tu non lo credi che la religione sia l’oppio dei poveri? Come fai a tenere buoni gli uomini? Siamo miliardi, capisci? Il bene è irrisorio rispetto al male che ci facciamo. Lo dice la storia, tutti gli uomini venuti prima di noi. Ci conviene credere per la nostra anima o per tenere a bada noi tutti?
“Stai facendo un discorso privo di fede!”
Esatto, di curiositas. Mi pongo domande e mi vengono dubbi. Siamo tutti un po’ Tommaso dentro di noi. Di fuori siamo tutti fedeli. Ma la fede è un fatto serio. Significa credere a occhi chiusi, significa non dubitare, significa avere fiducia negli altri. Ma tutto questo è un’utopia. Siamo tutti infedeli.
“Tu hai dimenticato una cosa, di essere in possesso del libero arbitrio!”
Questa è un’altra fregatura! Il libero arbitrio significa che devo sbagliare per forza, visto che sono imperfetta, la strada mi porta a perdermi. Come puoi pretendere che l’uomo sia fedele, buono, felice, bravo col suo libero arbitrio? E poi ho sempre paura della libertà, più ne abbiamo più non siamo liberi. Credo che la nostra sia una strada già segnata da qualcuno.
“Tu non sei un burattino, hai una vita da vivere come vuoi. Questo è il dono che ti è stato fatto, devi accettare. La tua vita deve essere vissuta liberamente. Spesso immaginiamo le cose che non vediamo e non fissiamo lo sguardo vicino, dove la vita si rivela. Siamo tutti con un cannocchiale a mirare lidi lontani mentre molte cose le abbiamo a chilometro zero come voi dite. La vita è più semplice di quello che immaginate”.
La nota positiva è che rende tutti uguali, ci imprime un sentimento buono, in nome di un dio obbediamo e l’ubbidire è un atto d’amore. Tutto sommato allora amare è ubbidire?.
“Ubbidire è accettare, il primo passo verso l’altro. Avete impostato il mondo sul comando, va registrato sull’opzione “servizio”, ognuno al servizio di un altro in uno scambio reciproco. Avere e dare non sono parole da usare solo in banca, lo stesso criterio vale anche per gli affetti. Se si ferma questo flusso, si blocca il capitale! Non siete fredde macchine, ma umani, l’azione è preceduta dal pensiero, cosa che nessuna scienza potrà fornire.”.
Positivo è che la religione ci unisce, ci fa sopportare cose impossibili, ci rende umili, semplici e caritatevoli l’uno con l’altro?.
“Vedi? Ci arrivi da sola”.
Ma con la ragione non con la fede. La fede è sempre un salto nel vuoto e accettare, un rischio. La penso come Pascal, questa religione ci conviene: se non ci aspettiamo nulla, ma se c’è qualcosa di buono nell’al di là, è bene prepararsi. Me lo dice anche mio padre, solo che non sa che il suo pensiero ricalca quello di Pascal. Portarci sempre l’ombrello nell’evenienza possa servirci. E’ così?
“Non è proprio così, ma in te stessa hai le risposte, ognuno ha le risposte giuste. Vanno tirate fuori con una sana riflessione, senza fretta. Quello che riesci a cavare da te stessa è tutt’altra cosa che sentirle dire.” 
Mi stai dicendo che non ho bisogno di te?
“All’occorrenza ci sono sempre. Tu mi hai chiamato, io sono accorso. Non sono uno che intralcia la ragione. La vita è costruzione con ragione e sentimento. Ogni anno mi fate sentire un il Re, il mago di questo incantesimo. Calatelo dentro di voi tutti i giorni. Ma la magia più grande l’avete fatta con quella luce accesa, che mai si spegne nei cuori. Sono lì, ogni pezzetto di voi sono io, ogni pensiero, ogni incantesimo, ogni sogno…Ti lascio, faccio il mio viaggio di Natale, sto andando di cuore in cuore a fare delle verifiche, a misurare la vostra fede”.
Hai deciso di farti del male allora…in nome del bene? 
“Quando mi cerchi sono nei cuori degli altri, è per questo che bisogna avere rispetto del prossimo, in ognuno di voi ci sono io. Come vedi sono più terreno che di un altro mondo!”
A presto…tanto so dove trovarti!