Castellamamre. 20 arresti nel clan Cesarano, Cuomo (Sos Impresa): «Complimenti alla Guardia di Finanza. Operazione brillante» I

Luigi Cuomo

I militari hanno ricostruito nel dettaglio le decine di attività estorsive ai danni degli imprenditori di Castellammare di Stabia, Scafati, Pompei e Santa Maria la Carità

Castellammare di Stabia  – «Complimenti alla Guardia di Finanza per la brillante operazione odierna. È stato inflitto un altro duro colpo alla criminalità organizzata: lo Stato c’è». Così il presidente di Sos Impresa e coordinatore del Circolo della Legalità Luigi Cuomo dopo gli arresti di questa mattina che hanno colpito il clan Cesarano. 20 fra boss e affiliati sono stati fermati dai militari che hanno ricostruito nel dettaglio le decine di attività estorsive ai danni degli imprenditori di Castellammare di Stabia, Scafati, Pompei e Santa Maria la Carità. «Non si può che ringraziare la Guardia di Finanza per l’imponente operazione – continua Cuomo -. Le indagini hanno accertato che nel comprensorio stabiese fin troppi imprenditori sono costretti a pagare il pizzo. È inaccettabile. Ben vengano le inchieste delle forze dell’ordine che colpiscono ormai costantemente i clan di Castellammare di Stabia. Oggi la città è più libera grazie ai nuovi fermi. Insieme si può scrivere un futuro diverso». «Invito tutti gli imprenditori vittime del racket a rivolgersi al nostro sportello o al numero verde 800900767. Sos Impresa sarà pronta ad aiutarli prima e dopo il processo. Soprattutto in questo periodo, quando i clan bussano alle porte per il pizzo di Natale, si può e si deve denunciare. Castellammare oggi ha una grande opportunità: il Circolo della Legalità. Un presidio antiracket e antiusura a disposizione di tutti i commercianti che soffrono la prepotenza dei clan. Non siete soli, fidatevi dello Stato» conclude Cuomo.